Questo sito contribuisce alla audience di

fàrmaco

sostanza dotata di attività terapeutica, che è principio attivo delle specialità medicinali. I fàrmaci si dividono in specialità medicinali (sostanze o composti con proprietà curativo-profilattica registrati presso il Ministero della Sanità e prodotti industrialmente), galenici (vedi galenica, preparazione) e magistrali (vedi magistrale, preparazione). L'azione del fàrmaco a distanza dal punto di contatto con l'organismo è affidata al suo ingresso nel torrente circolatorio dal quale raggiunge i diversi distretti dell'organismo. La possibilità di legarsi ai diversi substrati e tessuti è dovuta invece alle sue caratteristiche fisico-chimiche (vedi farmacocinetica e farmacodinamica). Le vie di somministrazione sono di diversi tipi: orale (per deglutizione oppure per assorbimento sublinguale), rettale (introdotti nell'ano per essere assorbiti dall'intestino retto), parenterale (iniezione endovenosa, intramuscolare, sottocutanea), topica (per uso locale ed esterno sulla pelle e sulle mucose), per aerosol o nebulizzazione. Un fàrmaco può agire anche in senso nocivo su un organismo sano o malato e questo dipende non tanto dalla sua natura chimica, quanto dalla dose impiegata e dalle condizioni del soggetto trattato. In molti casi all'aumento della dose corrisponde un'attività farmacologica progressivamente più intensa, o addirittura compaiono attività non possedute alle normali dosi d'impiego. Oltre alla specifica azione per la quale è indicato nell'impiego terapeutico, un fàrmaco possiede molteplici effetti secondari o collaterali, e l'uso combinato con altri fàrmaci può determinare effetti non prevedibili (vedi interazione tra farmaci).

Media

La cura in una illustrazione medievale.La farmacologia.La ricerca farmacologica.
Farmaci per le malattie di raffreddamento.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi