Questo sito contribuisce alla audience di

stenosi esofagea

restringimento permanente, congenito o acquisito, del lume dell'esofago. La stenosi esofagea congenita è dovuta a malformazione dell'organo o alla sua compressione da parte di altri organi o vasi anomali. La stenosi esofagea acquisita può essere conseguenza di esofagiti, di ingestione di sotanze corrosive, di corpi estranei rimasti a lungo nel viscere, di tumori ecc. Il sintomo della stenosi esofagea è costituito da difficoltà di deglutizione (disfagia) persistente e resistente a terapie, accompagnata talvolta da vomito o rigurgito; il paziente è soggetto a dimagrimento e deperimento graduale. L'esame radiografico con mezzo di contrasto e l'esofagoscopia confermano la diagnosi. Le terapie consistono nella dilatazione con sonde di calibro crescente, nell'esofagotomia, nell'esofagogastrostomia percutanea, nell'esofagodigiunostomia associate spesso a plastiche con lembi cutanei.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi