Questo sito contribuisce alla audience di

anafilassi

malattia allergica acuta e molto grave che si verifica pochi secondi o pochi minuti dopo il contatto con l'allergene in un soggetto già sensibilizzato (non si verifica quindi mai al primo contatto con l'allergene specifico). Le sostanze che possono provocare anafilassi sono molteplici. La causa più frequente è rappresentata dalla penicillina e, in generale, da sostanze che vengono iniettate. Più rara l'anafilassi da sostanze ingerite o inalate. Inizialmente si manifesta con prurito, soprattutto a volto, mani, ascelle, parte superiore del torace, inguine; quindi compare rossore diffuso e a volte gonfiore, insieme a disturbi della respirazione e senso di soffocamento; può manifestarsi anche con diarrea e dolori addominali. Si associano anche grave ipotensione e collasso cardiocircolatorio. La prevenzione della reazione anafilattica è possibile se si conosce la predisposizione del soggetto a sviluppare malattie su base allergica o una sua ipersensibilità specifica verso determinate sostanze così da evitare di entrarne in contatto. È bene segnalare queste condizioni al proprio medico curante, in caso di visita anestesiologica preoperatoria, al dentista, e portare sempre con sé, nei documenti, insieme all'indicazione del proprio gruppo sanguigno, un'attestazione dello stato allergico. La terapia dell'anafilassi si basa sulla somministrazione di farmaci in grado di neutralizzare gli effetti delle sostanze chimiche responsabili della risposta allergica: il più importante tra questi è l'adrenalina. Utili anche gli antistaminici, specie per il prurito, il gonfiore e l'arrossamento. Per le difficoltà respiratorie sono utili i corticosteroidi e l'aminofillina. La terapia deve essere istituita immediatamente: nei casi fatali la morte può sopraggiungere dopo 15-20 minuti dall'inizio delle manifestazioni cliniche, mentre un'appropriata terapia può portare al controllo della sintomatologia nell'arco di pochi minuti.

Media

Fattori scatenanti l'anafilassi.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi