Questo sito contribuisce alla audience di

molluschi

animali acquatici invertebrati, provvisti di conchiglia (per esempio, mitili o cozze, ostriche, vongole) o nudi (per esempio, calamari, polpi, seppie), che dal punto di vista alimentare fanno parte della vasta categoria dei prodotti ittici, comprendente anche crostacei, pesci ecc. In genere i molluschi commestibili provengono da allevamenti; per nutrirsi devono filtrare una grande quantità di acqua, e gli allevamenti sono spesso situati in zone ad alto inquinamento batterico: è quindi consigliabile sottoporli a preventiva cottura poiché il loro consumo a crudo espone al rischio di epatite virale A o di tifo. Pur essendo un alimento pregiato, i molluschi hanno un valore nutritivo inferiore a quello dei pesci.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi