Questo sito contribuisce alla audience di

valeriana

(Valeriana officinalis, famiglia Valerianacee), pianta erbacea perenne, di cui si usano in terapia rizomi e radici dal caratteristico odore, che contengono un olio essenziale, valepotridi e acido isovalerianico. È usata in forma di decotto o di tintura madre, come sedativo nervoso e antispasmodico, soprattutto nelle palpitazioni, nell'insonnia e nell'ipereccitabilità, ma anche nei disturbi della menopausa e negli spasmi gastroenterici.

Media

Piante officinali: la valeriana.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi