Questo sito contribuisce alla audience di

Missione Marte: tutto su SpaceX e Virgin Galactic

Quello di volare nello spazio, mettendo piede sulla Luna e persino su Marte, non è più un sogno per i comuni mortali: la nascita del turismo spaziale permetterà, nel giro di pochi anni - ad alcuni fortunati - di vivere un’esperienza per ora esclusivamente riservata agli astronauti.

Virgin Galactic di Richard Branson
Uno dei primi a investire nello sviluppo di programmi per viaggi turistici nello spazio per semplice diletto e non per scopi scientifici è stato il magnate Richard Branson, già fondatore della compagnia aerea Virgin.

L’imprenditore britannico ha fondato nel 2004 la Virgin Galactic, stabilendone la sede nel Nuovo Messico (USA), dove si trova lo Spaceport America, l’aeroporto spaziale firmato dall'archistar Norman Foster. Richard Branson ha deciso di accostarsi ai voli spaziali, esplorando un mercato ancora vergine che finora era coperto solo dalla Roscosmos, l’agenzia spaziale russa che offre voli spaziali a prezzi di circa 20 milioni di dollari per sei giorni di volo. Obiettivo dell’azienda britannica Virgin Galactic è quello di offrire 500 posti all'anno al costo di 200 000 dollari ciascuno. I viaggi dovrebbero raggiungere quote superiori ai 100 km d’altezza e proporre sei minuti di assenza di peso.

La compagnia di Branson prevede di usare un' aeronave chiamata SpaceShipTwo, attualmente in fase di test di volo. Nel frattempo si stanno raccogliendo da tutto il mondo centinaia di prenotazioni di aspiranti turisti spaziali.

SpaceX di Elon Musk
Oltre alla Virgin si è lanciata nel turismo spaziale anche la SpaceX, la compagnia di Elon Musk, cofondatore di PayPal e CEO di Tesla Motors. Fondata nel 2002, l’azienda aerospaziale privata con sede a Hawthorne in California ha tra i suoi obiettivi la creazione di tecnologie in grado di ridurre i costi dell'accesso allo spazio e permettere così in futuro la colonizzazione di Marte.

Entro la fine del 2018 dovrebbe essere prevista una missione spaziale che porterà due privati sconosciuti, sicuramente molto facoltosi, in orbita lunare.

La missione dovrebbe durare circa una settimana e sfiorare la superficie lunare, circumnavigando il satellite. I sogni lunari di Elon Musk sono resi possibili da accordi commerciali con la Nasa, per cui la SpaceX ha sviluppato la capsula orbitale da trasporto Dragon.

Marte sul Canale Alpha
Nonostante le previsioni ottimistiche è facile pensare però che ci vorrà ancora un po’ di tempo prima di vedere pienamente attuato il progetto dei viaggi turistici nello spazio.
Nell’attesa, per scoprire i più importanti segreti e le principali conquiste che la tecnologia sta compiendo nel campo dell'esplorazione dello spazio, non perdetevi su Alpha, canale 59 del digitale terrestre, la miniserie “Marte”, prodotta da Brian Grazer e Ron Howard.

In onda a partire dal 15 luglio, ogni domenica alle 21.50, “Marte” è diretta dal visionario regista messicano Everardo Gout e contempla un cast internazionale e un team di sceneggiatori senza pari.

Questa serie, ambientata in un futuro ipotetico ricostruito secondo un criterio scientifico, racconta l'incredibile storia della prima missione umana con equipaggio su Marte nel 2033: un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti dei viaggi interplanetari e per chi sogna la colonizzazione di nuovi pianeti.

09/11/2016