Questo sito contribuisce alla audience di

Cos'è il libro dei morti?

Il libro dei morti è un particolare oggetto appartenente alla cultura dell'antico Egitto. Scopo del libro dei morti era quello di accompagnare i defunti nel lungo viaggio che, dalla vita terrena, li avrebbe "traghettati" nell'aldilà.

Al suo interno erano contenuti testi funerari di varia natura: sia formule magico-religiose che racconti con i quali il defunto avrebbe potuto superare le innumerevoli prove che avrebbe incontrato sul lungo e tortuoso cammino che l'avrebbe portato al cospetto di Osiride. I testi, quindi, l'avrebbero aiutato sia a raggiungere senza troppi problemi il dio della morte sia a preparare la cosiddetta testimonianza della sua vita terrena, il cui giudizio spettava proprio a Osiride.

Il libro dei morti ha assunto molte forme nel corso del tempo. Inizialmente, infatti, le formule e i racconti venivano incisi sulle pareti della camera sepolcrale, per poi arrivare ad essere incise direttamente sul sarcofago. Col passare del tempo e giungendo all'epoca della XVIII dinastia (1543-1292 a.C.) il libro dei morti cambiò nuovamente forma: i testi funerari furono affidati ad un papiro, poi chiuso nel sarcofago insieme al defunto e a tutti quegli oggetti che gli sarebbero stati utili nel suo ultimo viaggio.

Foto: luoghimisteriosi.it

Chiedi a Sapere.it!

Ultime domande lette

loading