Questo sito contribuisce alla audience di

Ùlfila

(gotico Wùlfila). Vescovo goto (Basso Danubio 311 ca.-Costantinopoli 383). Figlio di un goto e di una cappadoce, presente a Costantinopoli sotto Costantino, venne ordinato lettore e poi (341) consacrato vescovo dei cristiani goti da Eusebio di Nicomedia. Nel 369 iniziò a tradurre dal greco in gotico la Bibbia, formando dall'alfabeto greco e latino una nuova scrittura e compiendo sul gotico un'importantissima operazione, soprattutto lessicale. La sua traduzione è il più antico e più vasto documento di una lingua germanica che si possegga.

Media


Non sono presenti media correlati