Questo sito contribuisce alla audience di

Acquaviva Picèna

comune in provincia di Ascoli Piceno (30 km), 359 m s.m., 20,89 km², 3409 ab. (acquavivesi), patrono: san Nicolò (6 dicembre).

Centro posto fra i torrenti Albula e Ragnola. Reperti dell'Età del Bronzo documentano un insediamento risalente al sec. IX a. C. Fondato forse in epoca carolingia, fu a lungo conteso tra Fermo e Ascoli.§ Il borgo, d'aspetto medievale, è caratterizzato dalla grandiosa rocca, con mastio e torrioni (sec. XIV, ma in seguito rimaneggiata), da resti della cinta muraria e da una porta gotica; da segnalare inoltre il Palazzo Municipale, la torre dell'Orologio e la chiesa di San Rocco (sec. XII).§ L'agricoltura produce cereali e viti; rinomata la lavorazione di salumi e formaggi. All'attività peschereccia di San Benedetto del Tronto è collegata la produzione di reti e cavi; un'altra tipica lavorazione artigianale è quella della paglia.

Media


Non sono presenti media correlati