Questo sito contribuisce alla audience di

Ailano

comune in provincia di Caserta (54 km), 260 m s.m., 15,49 km², 1466 ab. (ailanesi), patrono: san Giovanni Evangelista (6 maggio).

Centro posto alle falde meridionali del Matese e compreso in parte nell'omonimo parco regionale. Fece parte della contea normanna di Alife e nel sec. XI passò ai principi di Capua, che vi fecero costruire un castello. Ceduto da Carlo I d'Angiò a Simone de Argal e poi a Guglielmo de Fossis (1285), ebbe in seguito numerosi feudatari fra cui i Carafa (sec. XVI). Fu danneggiato dai terremoti del 1980 e del 1984.§ Dell'antico castello sussiste parte del torrione merlato. La parrocchiale di San Giovanni Evangelista custodisce nell'altare del Rosario il paliotto romanico dell'abbazia benedettina di Santa Maria in Cingla (sec. XI). Questa, fatta costruire da Desiderio, abate di Montecassino, conserva parte del recinto del monastero e resti delle due absidi laterali della chiesa.§ L'economia si basa in prevalenza sulla coltivazione di vite e olivo, cui si affianca quella di cereali e foraggi, e sull'allevamento di bovini e bufali da latte e da carne. L'industria è presente nei settori meccanico e della lavorazione della plastica. Sono attive cave di dolomia.

Media


Non sono presenti media correlati