Questo sito contribuisce alla audience di

Appenzell Ausser-Rhoden

semicantone della Svizzera orientale, 243 km², 52.561 ab. (stima 2006), 216 ab./km², capitale: Herisau. Confini: semicantone di Appenzell Inner-Rhoden (E), cantone di San Gallo (N, S, W).

Si estende sul versante settentrionale del massiccio del Säntis (2503 m) e sulle colline moreniche che orlano le sponde sudorientali del di Costanza. "Per la cartina geografica vedi pg. 293 del 2° volume." , "Per la cartina geografica vedi il lemma del 2° volume." Caratterizzato da un clima molto umido, è ricoperto da vasti pascoli e da estesi boschi. Risorse degli abitanti, di lingua tedesca e di religione protestante, sono l'agricoltura, l'allevamento (bovini soprattutto), lo sfruttamento forestale e il turismo. La capitale è sede del governo e dell'amministrazione centrale, ma tutti gli organi giudiziari e di polizia si trovano a Trogen. Centri principali, oltre alla capitale, sono Trogen, Teufen, Speicher e Heiden. § La regione dell'Appenzell, area di insediamenti sin dalla preistoria, venne occupata nel sec. I a. C. da Elvezi e Reti; nel 15 a. C. fu incorporato alla Rezia romana. Alla caduta dell'impero, divenne un possesso degli Ostrogoti e poi dei Franchi e subì una profonda germanizzazione. Durante il Medioevo fu sotto la sovranità dell'abate di San Gallo che combatté e vinse nelle battaglie di Vögelisegg (1403) e di Stoss (1405) ottenendo l'autonomia. Nel 1444, l'Appenzell entrò a far parte della Confederazione Svizzera e nel 1513 fu accolto come confederato (13º cantone). Divenuto così Stato autonomo, l'Appenzell vide esplodere contrasti interni di carattere religioso (riformati e controriformisti), che portarono nel 1597 alla divisione nei due attuali Stati. La divisione è valida agli effetti della Confederazione solo per alcuni aspetti amministrativi e giuridici. A differenza dei cantoni, i semicantoni eleggono un solo parlamentare (anziché due) al Consiglio degli Stati (Camera Alta).