Questo sito contribuisce alla audience di

Aswân o Assuan (città)

Guarda l'indice

Generalità

Città (266.013 ab. nel 2006) dell'Egitto sudorientale, capoluogo del governatorato omonimo; è situata sulla destra del Nilo, di fronte all'isola Elefantina, a poca distanza dalla prima cateratta del fiume. La città ebbe un ruolo essenzialmente strategico dovuto alla sua posizione di prima città più meridionale dell'Egitto. Collegata alla capitale Il Cairo tramite ferrovia (900 km) e battelli, già frequentato centro turistico, base di escursione alle vicine rovine di Philae e Abu Simbel e attivo mercato agricolo, Aswân si avvia oggi a diventare, dopo la costruzione delle due dighe sul Nilo, un importante centro industriale.

Arte

Fu abitata fin dall'età più antica, soprattutto nell'isola Elefantina. Era il punto di frontiera tra l'Egitto e la Nubia, sito importante come centro commerciale e per le cave di granito. Vi aveva sede il culto per una triade divina composta da Khnum, Satis e Anuki. Sull'isola si trovano monumenti dell'Antico Regno accanto a costruzioni tarde, alcune di età greca e romana. Si segnalano in particolare la tomba di Heqa-ib, un nilometro, i resti del tempio di Evergete I. Sulla riva occidentale si trovano ancora le tombe dei monarchi dell'Antico Regno, cui più tardi si aggiunsero costruzioni copte, come il notevolissimo monastero di S. Simeone, e arabe, fino al recente mausoleo dell'Aga Khān. Nell'odierna città, deturpata da costruzioni moderne, è un tempietto di età tolemaica ben conservato. Nei pressi si trovano le famose cave di granito (noto come sienite dal nome antico della città, Siene), che conservano tracce imponenti delle antiche estrazioni e un cimitero musulmano di eccezionale interesse.

Dighe di Aswân

Dopo il completamento (1902) della prima diga di Aswân, sopraelevata nel 1912 e poi ancora nel 1934, l'agricoltura egiziana poté passare da un'irrigazione stagionale a un'irrigazione perenne. Essendo questo primo sbarramento insufficiente a contenere le piene estive nel Nilo, si rese necessaria la costruzione di una seconda diga (Sadd el ʽAlī), ca. 6 km a monte della prima. I lavori, iniziati nel 1960, furono completati dieci anni più tardi; la seconda diga, inaugurata nel 1971, è alta 111 m, lunga al coronamento 3600 m e ha dato origine al lago artificiale Nasser, le cui acque sono utilizzate a scopi irrigui e per la produzione di energia elettrica.

Media

Aswân.