Questo sito contribuisce alla audience di

Ateles

sm. [sec. XIX; dal greco ateles, imperfetto]. Genere di Primati della famiglia dei Cebidi, cui appartengono 4 specie diffuse nelle foreste, fino ad alte quote, dal Messico meridionale al Brasile, note come "scimmie ragno". Hanno una lunghezza di 28-63 cm, con coda lunga una volta e mezza il corpo, prensile e dotata di elevato senso tattile. Gli arti anteriori sono più lunghi dei posteriori e il pollice è atrofico. Hanno pelliccia lunga, ruvida, formata di peli grossolani: sul capo è presente un ciuffo di peli rivolti all'innanzi. Il colore del manto è variabile, con tinte grigio-giallastre, rossastre, grigio-scure o nere superiormente, mentre sui fianchi è giallo dorato o rossiccio; le parti inferiori sono bianche o giallicce. Estremamente agili, queste scimmie rappresentano uno dei casi di maggior specializzazione per la vita arboricola. Vivono in gruppi di modesta entità (2-8 capi) che si aggregano, però, in bande più numerose (15-25 capi), per andare in cerca di cibo, soprattutto frutta. Le femmine hanno un solo piccolo dopo 140 giorni di gestazione. Queste scimmie vengono cacciate dagli indigeni che ne mangiano la carne.