Questo sito contribuisce alla audience di

Bègo

monte (2873 m) delle Alpi Marittime, poco a SW del colle di Tenda (Francia sudorientale). La zona fu ceduta dall'Italia alla Francia nel 1947. Sulle pendici meridionali e occidentali del monte Bego, nella zona chiamata Valle delle Meraviglie e nella vicina Val Fontanalba, a un'altezza tra i 2000 e i 2700 m s.m., sono state scoperte ca. 38.000 incisioni preistoriche eseguite, in un raggio di 5 km, su massi o sulle rocce levigate dai ghiacciai. Le figure rappresentano armi, bovidi aggiogati all'aratro, segni alberiformi, linee intrecciate e altre di più difficile interpretazione. Il complesso può essere attribuito al Neolitico, ma soprattutto all'Età del Bronzo, con attardamenti nell'Età del Ferro. Vi sono anche incisioni più recenti e scritte d'epoca romana. Le incisioni furono particolarmente studiate, a cominciare dal 1881, dall'inglese Clarence Bicknell (calchi da lui effettuati si trovano al Museo Bicknell di Bordighera), ma erano conosciute anche precedentemente: se ne trovano notizie, infatti, nella Corografia e storia delle Alpi Marittime (1650) dello storico Gioffredo.

Media


Non sono presenti media correlati