Questo sito contribuisce alla audience di

Béziers

città (69.153 ab., 1999) della Francia, nel dipartimento di Hérault, 60 km a SW del capoluogo Montpellier, sul fiume Orb. L'assetto urbanistico comprende un nucleo antico, con vie strette e tortuose e una parte moderna, caratterizzata da numerosi sobborghi e ampi viali. Situata sul Canal du Midi, in una fertile zona agricola (coltivazione della vite), è soprattutto centro commerciale e industriale. § Già città gallica, divenuta con Giulio Cesare colonia romana (Julia Septimanorum Baeterrae), alla fine del sec. III accolse un vescovato (soppresso nel 1802). Nei primi anni del sec. V fu devastata dai Vandali e nel 410 entrò a far parte del regno visigoto. Appartenne, subito dopo l'occupazione degli Arabi (720) e la liberazione di Carlo Martello (733), ai conti di Carcassonne. Durante la crociata contro gli albigesi, Béziers, che fu appunto uno dei centri di resistenza albigese, subì (1209) una terribile devastazione e il massacro di ca. 20.000 abitanti. Nel 1229 fu ceduta a Luigi IX e da allora rimase possesso della corona francese. Fortificata nel 1289, fu smantellata nel 1632 da Richelieu per reazione alla rivolta di Henri II di Montmorency. Degno di nota il concilio tenuto a Béziers nel 1233 e nel quale vennero deliberate le condanne da applicare contro gli eretici albigesi.

Media


Non sono presenti media correlati