Questo sito contribuisce alla audience di

Bengala

Guarda l'indice

Generalità

Regione storico-geografica (200.000 km²) dell'Asia meridionale, politicamente divisa tra l'India e il Bangladesh. Il territorio, pianeggiante, comprende la zona deltizia dei fiumi Gange e Brahmaputra; affacciato a S al Golfo del Bengala, si estende a N fino ai primi contrafforti della catena himalayana, tra l'altopiano di Chota Nagpur a W e le colline dell'Assam e di Lushai a E. La popolazione, per lo più addensata in numerosi villaggi scaglionati lungo i corsi d'acqua, si dedica prevalentemente all'agricoltura (cereali, legumi, semi oleosi, canna da zucchero, iuta, tabacco, tè). Città principali sono Kolkata, Howrah, Burdwan, Dhaka. Politicamente il Bengala Occidentale forma uno Stato dell'India, mentre il Bengala Orientale forma il Bangladesh. In hindī, Bangala; in inglese, Bengal.

Storia

Anticamente abitata da genti arie tra le quali i Banga (da cui il nome), fece parte dell'Impero maurya e gupta, divenendo poi sede dei regni di Harsha, dei Pāla e dei Sena. Conquistata dai musulmani all'inizio del sec. XIII, restò per un secolo sotto le dinastie di Delhi, poi si rese indipendente sotto sovrani turchi e afgani. Dal 1576, sotto il governo del nawab, rimase parte dell'Impero moghūl praticamente fino al 1765, quando tutta la regione fu ceduta alla Compagnia inglese delle Indie Orientali. Questa dal sec. XVII aveva impiantato in Bengala stabilimenti e fattorie e nel 1629 vi aveva costituito la Presidenza del Bengala, con Fort William centro difensivo. Il Bengala partecipò parzialmente al Mutiny del 1857 e nel 1858 passò con tutta l'India alle dirette dipendenze del governo britannico. Nel 1905 lord Curzon divise il Bengala in Bengala Orientale e Assam, e Bengala Occidentale e Orissa, ma già nel 1912 venne ripristinata una presidenza unitaria. Il Bengala fu nuovamente diviso nel 1947 in una parte occidentale, eretta a Stato dell'Unione Indiana, e una parte orientale, costituente la Provincia Orientale del Pakistan. Dalla fine del 1971 questa parte del Bengala, dopo ca. un anno di aspra guerriglia che ha coinvolto India e Pakistan, si è reso indipendente con il nome di Bangladesh.

Bibliografia

Per la storia

L. Petech, India, in Le civiltà dell'Oriente, vol. I, Firenze-Roma, 1965; P. Spear, Storia dell'India, Milano, 1970; Tariq Ali, Pakistan: Military Rule of People's Power, Londra, 1970; M. W. Scot, History of West Bengala, Manchester, 1978.

Per la letteratura

S. K. Chatterjee, The Origin and Development of Bengali Language and Literature, Calcutta, 1926; A. S., Lila Ray, Bengali Literature, Bombay, 1942; B. Basu, An Acre of Green Grass, Calcutta, 1948; S. Sen, History of Bengali Literature, Nuova Delhi, 1960; V. Pisani, L. P. Mishra, Le letterature dell'India, Milano, 1970; R. Gnoli, L. P. Mishra, Storia della letteratura indiana, Milano, 1971; idem, Antologia della letteratura indiana, Milano, 1971.