Questo sito contribuisce alla audience di

Bengala, gólfo del-

vasta insenatura (2.172.000 km²) nel settore nordorientale dell'Oceano Indiano che si apre sulle coste meridionali dell'Asia, tra la penisola indiana a W e quella indocinese a E. Di forma triangolare, col vertice rivolto a N, verso il delta del Gange, comunica a SW col Mar delle Laccadive attraverso lo stretto di Palk; a E le isole Andamane e Nicobare lo separano dal Mar delle Andamane. Profondo al massimo 5258 m poco a W delle isole Nicobare, raggiunge la sua massima larghezza (1700 km) al suo limite meridionale, posto lungo una linea che unisce l'estremità meridionale di Srī Lanka a quella settentrionale di Sumatra. La temperatura delle acque superficiali è molto elevata, con valori di 25 ºC nei mesi invernali e di 30 ºC in quelli estivi; in profondità il valore diminuisce, fino a toccare i 12 ºC a –800 m e 1-2 ºC a oltre –1000 m. L'ampiezza della marea raggiunge i valori più elevati (5-7 m) solo in prossimità delle foci dei maggiori fiumi (Gange, Godavari, Krishna); la salinità delle acque varia dal 32‰ a N al 34‰ a S. Il movimento delle correnti è generato dal periodico spirare dei monsoni; nella stagione invernale i venti soffiano da NE a SW, in quella estiva da SW a NE. I principali porti che vi si affacciano sono quelli di Kolkata, Vishakhapatnam e Chennai (India); Chalna e Chittagong (Bangladesh); Akyab-Sittwe (Birmania).