Questo sito contribuisce alla audience di

Bernier, Étienne-Alexandre

vescovo di Orléans (Daon 1762-Parigi 1806). Dottore in teologia, rifiutò di prestare giuramento alla costituzione civile del clero e fu tra i capi dell'insurrezione in Vandea, ma nel 1799 trattò con il nuovo governo la fine della sollevazione. Per la sua fede gallicana Napoleone lo volle partecipe delle trattative per il concordato del 1801, di cui fu con Giuseppe Bonaparte uno dei firmatari. Creato vescovo nel 1802, fu designato cardinale da Pio VII, ma Napoleone pose il veto alla sua nomina.

Media


Non sono presenti media correlati