Questo sito contribuisce alla audience di

Blaue Reiter, Der-

(Il cavaliere azzurro). Movimento pittorico d'avanguardia tedesco fondato a Monaco nel 1911 da V. Kandinskij, F. Marc e A. Macke. L'attività del gruppo iniziò con una mostra alla galleria Tannhäuser di Monaco (dicembre 1911) e con la pubblicazione dell'almanacco Der blaue Reiter (titolo ripreso da un quadro di Kandinskij del 1903 e da I cavalli azzurri dipinti da Marc), in cui venivano affrontati i problemi posti dalle opposte tendenze dell'espressionismo e del cubismo. Il movimento, pur non avendo un programma preciso, seguiva un orientamento di fondo decisamente spiritualistico, che Kandinskij aveva già espresso nello scritto Dello spirituale nell'arte (1912). Il gruppo si faceva portatore, con scritti teorici e polemici e con mostre internazionali, di una poetica intesa a individuare le spinte ispiratrici del fatto artistico, per evidenziare gli impulsi interiori dell'artista nei confronti della realtà, portando così alle estreme conseguenze il simbolismo della Secessione di Monaco e aprendo contemporaneamente la strada alle esperienze astratte. Nel 1912, dopo l'adesione al gruppo di Paul Klee, venne organizzata una seconda mostra d'arte grafica presentata poi anche a Colonia, L'Aia e Francoforte. L'ultima esposizione del Blaue Reiter fu tenuta nel 1913 a Walden, al “Salone d'autunno” tedesco. Il gruppo si sciolse nel 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale.

Bibliografia

B. Myiers, Die Malerei des Expressionismus, New York, 1957; L. G. Buchheim, Der Blaue Reiter, Darmstadt, 1959; Catalogo della mostra Der Blaue Reiter, Torino, 1971.

Media

Der Blaue Reiter