Questo sito contribuisce alla audience di

Blondel, Jacques-François

architetto, urbanista e teorico francese (Rouen 1705-Parigi 1774). Fondatore nel 1743 della École des Arts di Parigi (della quale raccolse e pubblicò i corsi), membro e insegnante dell'Accademia (1762), fu il principale sostenitore della corrente classicista francese nel Settecento, avversando le leggiadrie del rococò a favore di un'architettura avente come suo principio informatore la razionalità (Blondel curò il settore architettonico dell'Encyclopédie di Diderot). Oltre a opere quali l'Hôtel Petit de Marivat a Besançon (1736) e i lavori nel castello di Blois (1760), sono importanti le sistemazioni urbanistiche a Metz (collegio St.-Louis, facciata sudorientale della cattedrale, 1763-66, e le tre piazze attorno a essa) e a Strasburgo (rettifica di strade e piazze, oltre al progetto per la ricostruzione della cupola della cattedrale). Blondel scrisse, fra l'altro, L'architecture française (1752-56) e L'homme du monde éclairé par les arts (1774).

Media

Jacques-François Blondel