Questo sito contribuisce alla audience di

Brandeburgo (città)

(Brandenburg/Havel). Città nel Land omonimo (Germania), 31 m s.m., 75.485 ab. (stima 2003).

Città situata sul fiume Havel, 70 km a E da Berlino, un tempo notevole centro siderurgico. Dal 1945 al 1990 ha fatto parte della Repubblica Democratica Tedesca; nei primi anni del sec. XXI è andata incontro a un sensibile decremento demografico. § Il centro antico, già circondato dalle fortificazioni (demolite nel 1797) e ora da un giro di viali, deriva dalla fusione (1715) di due nuclei medievali: la città vecchia (sec. XII) compresa tra il fiume Havel e l'altura del Marienberg, e la città nuova, già sede dei margravi, su un'isola formata dalle ramificazioni del fiume. Nella città nuova si trova il duomo, tardoromanico, in mattoni (1165), a pianta basilicale su pilastri, in parte trasformato in stile gotico tra il sec. XIII e il XV. La parrocchiale di St. Katharine, eretta da Heinrich Brunsberg tra il 1401 e il 1434, è il capolavoro di un gruppo omogeneo di chiese tardogotiche in mattoni caratteristiche delle regioni settentrionali (Stargard, Kaliningrad, Poznań, Stettino, ecc.). L'interno è a sala, con cappelle tra i contrafforti; l'esterno è scandito da ampi finestroni separati da lesene decorate da tre ordini di nicchie con statue in terracotta invetriata. La città conserva molti altri edifici gotici e tardogotici in mattoni, come la Paulikirche (1286), la Nikolaikirche (ca. 1200), la Gotthardkirche (ricostruita nella forma a sala a partire dal 1456) e, nel campo dell'edilizia civile, i palazzi municipali della Neue e dell'Altstadt (quest'ultimo fronteggiato dalla caratteristica, colossale statua di Rolando, 1474) e tre porte della cinta muraria del sec. XV. Numerose sono le case gotiche a frontoni, alcune su palafitte.Un grande Museo dell'industria illustra il periodo d'oro della produzione siderurgica della città, quando Brandeburgo era il più importante centro di lavorazione dell'acciaio dell'Europa orientale.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti