Questo sito contribuisce alla audience di

Cécchi D'Amico, Suso

sceneggiatrice cinematografica italiana (Roma 1914-2010). Figlia del letterato E. Cecchi, moglie del musicologo F. D'Amico, lasciò una forte impronta culturale e professionale nel cinema italiano del dopoguerra, lavorando a molti testi importanti con i maggiori registi: da Zampa a De Sica, da Blasetti a Castellani, da Antonioni, per il quale sceneggiò I vinti (1952) e La signora senza camelie (1953), a Rosi con cui realizzò I magliari (1959) e Salvatore Giuliano (1962). Per un periodo legò la sua attività a F. Zeffirelli per alcune importanti produzioni internazionali tra cui Fratello sole e sorella luna (1972) e Gesù di Nazareth (1978). Ma soprattutto con Visconti ebbe una stretta e costante collaborazione, a partire da Bellissima (1951) fino a L'innocente (1976). Molto intensa, a partire dal 1980, fu anche la sua collaborazione con M. Monicelli. Per il regista toscano ha scritto Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (1984), Le due vite di Mattia Pascal (1985), Speriamo che sia femmina (1986), I picari (1987), Il male oscuro (1992) e Cari fottutissimi amici (1993).

Media


Non sono presenti media correlati