Questo sito contribuisce alla audience di

Calcerànica al Lago

comune in provincia di Trento (19 km), 465 m s.m., 3,40 km², 1145 ab. (calceraneghesi o calceraneghi), patrono: santi Pietro e Paolo (29 giugno).

Centro dell'alta Valsugana, situato sulla sponda meridionale del lago di Caldonazzo. Sorto in epoca romana, dopo il sec. XII fece parte della comunità di Caldonazzo, e fu feudo dei Sicconi, passando ai Trapp nel sec. XV. § La chiesetta di Sant'Ermete, antico tempio di Diana, trasformato in seguito in chiesa cristiana e rimaneggiato in forme romaniche e rinascimentali, ha un campanile protoromanico; all'interno vi sono un'ara romana e affreschi cinquecenteschi. La parrocchiale dell'Assunta è del sec. XVI. § Compongono il quadro economico locale l'agricoltura (mais, patate, foraggi e mele) e l'industria, soprattutto nei comparti metalmeccanico e delle materie plastiche. Rilevante è il turismo anche per la vicinanza del lago di Caldonazzo.