Questo sito contribuisce alla audience di

Calmucchi, Repùbblica dei-

(Kalmyckaja Avtonomnaja Respublika).Repubblica autonoma della Russia sudoccidentale, 76.100 km², 288.675 ab. (stima 2006), 4 ab./km², capoluogo: Elista. Confini: Repubblica del Dagestan (SW), Rostov (W), Volgograd (NW), Astrahan (NE, E), Mar Caspio (SE). Anche Kalmykia.

Il territorio, per lo più pianeggiante, affacciato a SE al Mar Caspio, si estende alla destra del basso corso del Volga ed è mosso a W dalle lievi ondulazioni collinari degli Jergeni (221 m); a S e a SW è limitato dai fiumi Kuma e Manyč. Vaste aree del territorio sono in via di desertificazione. § Risorse economiche degli abitanti (per il 46% russi e per il 41% calmucchi) sono prevalentemente l'agricoltura (cereali, foraggi), l'allevamento ovino e la pesca; sono presenti risorse minerarie (carbone, petrolio e gas naturale). Le industrie, attive nei settori alimentare e tessile, sono concentrate nel capoluogo, oltre al quale è centro importante (trasformazione del pesce) Kaspijski. § Repubblica autonoma istituita nel 1935, il suo territorio fu poi messo sotto amministrazione diretta di Mosca e la popolazione calmucca deportata in massa in Siberia nel 1944, da dove i superstiti poterono tornare solo nel 1957. È un centro di culto internazionale del buddismo, religione prevalente fra la popolazione calmucca; ospita un'università a Elista.