Questo sito contribuisce alla audience di

Campbell, John Ramsey

scrittore inglese (Liverpool 1946). Ha esordito giovanissimo con la raccolta di racconti The Inhabitant of the Lake (1964), chiaramente ispirata all'opera di H. P. Lovecraft. In seguito ha sviluppato una tematica molto personale, senza però dimenticare l'insegnamento dello scrittore statunitense, giungendo a essere considerato uno dei più importanti autori horror di lingua inglese, insieme a S. King e C. Barker. È da ricordare soprattutto il primo romanzo, The Doll Who Ate Her Mother (1976; La bambola che divorò sua madre). I suoi libri sono ambientati in realtà metropolitane o in luoghi facilmente riconoscibili che diventano, però, il terreno di avventure sovrannaturali., come per esempio in Night of the Claw (1985; trad. it. Artigli nella notte). Continua la sua produzione di horror psicologici con The One Safe Place (1995; Un posto sicuro) e The House on Nazareth Hill (1996; La casa sulla collina di Nazareth). Nel romanzo The Last Voice they Hear (1998; L'ultima voce che sentono) invece, torna al genere del serial killer, mantenendo quella ricerca sulle debolezze dei rapporti familiari, tematica sempre presente in molti dei suoi romanzi. In Racconti sinistri (2006) lo scrittore unisce sedici racconti dell'orrore che guidano il lettore attraverso angoscianti variazioni sui temi più inquientanti.