Questo sito contribuisce alla audience di

Castelnuòvo di Céva

comune in provincia di Cuneo (60 km), 743 m s.m., 6,23 km², 117 ab. (castelnovesi), patrono: san Maurizio Martire (15 gennaio) e Maria Santissima Assunta (15 agosto).

Centro delle Langhe, situato su un dosso collinare tra le alte valli del fiume Tanaro e della Bormida di Millesimo. Compreso nel comitato di Bredulo, nel sec. XII fu possesso dei Ceva. Passato nel 1295 ad Asti, nel 1631 entrò a far parte dei domini dei Savoia. § Su un colle a dominio dell'abitato, tipico esempio di borgo rurale, si trova un'alta torre quadrata, appartenente al castello medievale. Coeva è la cappella cimiteriale di San Maurizio, che conserva affreschi tardogotici raffiguranti scene della vita del santo. § Le principali risorse derivano dalla coltivazione dei cereali, della vite e dei foraggi, dall'allevamento bovino e dallo sfruttamento dei boschi. Di rilievo anche le attività connesse al turismo.