Questo sito contribuisce alla audience di

Depardieu, Gérard

attore cinematografico francese (Châteauroux, Indre, 1948). Vera bête-à-cinéma nella tradizione di Gabin e di Belmondo, è stato lanciato da I santissimi (1974) e confermato da Novecento (1976). Ha recitato in quattro film di M. Duras tra cui Nathalie Granger (1972) e Le camion (1977); è stato protagonista per M. Ferreri de L'ultima donna (1976) e Ciao maschio (1978); di F. Truffaut ha interpretato L'ultimo metrò (1980) e La signora della porta accanto (1981); di A. Resnais Mon oncle d'Amérique (1980); di A. Wajda Danton (1982). In seguito ha recitato in tantissimi film tra cui rticordiamo: Il ritorno di Martin Guerre (1981) di D. Vigne, Police (1985) di M. Pialat, Jean de Florette (1986) di C. Berri, Cyrano (1989) di J.-P. Rappeneau (per il quale Depardieu è stato premiato a Cannes nel 1990), Green Card (1990) di P. Weir, Merci la vie (1990) di B. Blier, Tutte le mattine del mondo (1991) di A. Corneau, Ma dove è andata la mia bambina? di S. Miner e Una pura formalità di G. Tornatore, entrambi del 1994, La maschera di ferro (1998), Asterix e Obelix (1999, con un seguito nel 2002, 2008 e 2012) tratto dall'omonimo fumetto, Mirka (2000), Vatel (2000), di R. Joffé, City of ghosts di M. Dillon (2002), Nathalie di Anne Fontaine (2003), I tempi che cambiano (2004) di Andrè Téchinè, Per sesso o per amore? (2005) di B. Blier, L'ultima vacanza (2006) di Wayne Wang, L'abbuffata (2007) di M. Calopresti e Mammuth (2010), Potiche - La bella statuina (2010), Vita di Pi (2012), Niente può fermarci (2013), Welcome to New York (2014), Le Voyage (2014). Nel 1997 ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera.

Media


Non sono presenti media correlati