Questo sito contribuisce alla audience di

Fardèlla

comune in provincia di Potenza (149 km), 756 m s.m., 27,28 km², 765 ab. (fardellesi), patrono: sant’ Antonio da Padova (13 giugno).

Centro dell'Appennino Lucano, situato sulla dorsale tra il fiume Sinni e il torrente Serrapotamo; è compreso nel Parco Nazionale del Pollino. Di origine longobarda, fu fortificato dai Normanni e nel sec. XIII divenne feudo di un Alberigo. Appartenne poi alla Contea di Chiaromonte, di cui seguì le sorti, soprattutto sotto i Sanseverino.§ Nell'abitato sorgono la chiesa madre (inizi sec. XVIII, in seguito ricostruita), dedicata a Sant'Antonio, le cappelle di San Vito e Sant'Onofrio e i palazzi De Salvo, Cirone e De Donato.§ L'agricoltura produce cereali, uva da vino e olive; si praticano l'allevamento (ovini e suini) e lo sfruttamento dei boschi (funghi). Alcune aziende operano nei settori alimentare, del legno e dei materiali da costruzione. È sviluppato il turismo, che conta su buone strutture ricreative e ricettive.

Media


Non sono presenti media correlati