Questo sito contribuisce alla audience di

Gabriel, Peter

cantante, compositore e polistrumentista rock inglese (Cobham, 1950). Cofondatore (1967) dei Genesis, gruppo col quale ha realizzato alcuni degli album più rappresentativi del rock progressivo (Selling England by the Pound, 1973 e The Lamb Lies Down on Broadway, 1974). Nel 1975, Gabriel decide di intraprendere la carriera da solista, realizzando lavori che hanno confermato e alimentato la sua fama di sperimentatore e innovatore, grazie a testi impegnati (Here Comes The Flood, Biko, Wallflower) e all'uso di arrangiamenti sofisticati, talvolta ispirati alla musica etnica. So (1986) è l'album che lo consacra definitivamente artista geniale, anche per la scelta di accompagnare alcuni singoli (Sledgehammer, Big time) con video suggestivi, basati sulle tecnologie d'avanguardia. Nel 1980, crea il progetto WOMAD (World of Music, Arts and Dance), con l'obiettivo di dar voce a varie forme d'arte e di unire tra loro sonorità etniche, attraverso festival. La sua passione per la world music lo ha portato a fondare una propria etichetta discografica, la Real World, tramite la quale promuove le diverse espressioni musicali del mondo. Gabriel ha lavorato anche per il cinema, firmando le colonne sonore dei film Le ali della libertà di A. Parker (1985) e L'ultima tentazione di Cristo di M. Scorsese (1988). Nel 1992 ha pubblicato Us, un album di rock raffinato. Nei concerti Gabriel si propone come artista multimediale, arricchendo le sue canzoni di coreografie, effetti speciali e invenzioni teatrali di forte impatto visivo. Perfettamente al passo con i tempi, Gabriel è uno degli artisti più impegnati nella sperimentazione delle possibili interazioni fra musica e strumenti informatici, come mostrano i due CD-ROM interattivi da lui realizzati: Explora (1994) ed Eve (1996). Nel 2000, ha realizzatoOvo, progetto musicale che ripercorre l'evoluzione dell'uomo moderno, ideato per lo spettacolo organizzato presso il Millennium Dome di Londra. Nel 2002 ha pubblicato Up, disco che è un'ulteriore prova della sua versatilità.