Questo sito contribuisce alla audience di

Genesis (astronomia)

sonda interplanetaria statunitense realizzata dalla Lockheed Martin in collaborazione con il Jet Propulsion Laboratory della NASA e il Los Alamos National Laboratory; è stata lanciata l'8 agosto 2001 da Cape Canaveral con un razzo Delta II. La missione del velivolo è stata avvicinarsi al Sole quanto basta per catturarne il pulviscolo e rinviarlo a Terra in una capsula in grado di resistere all'impatto con l'atmosfera. Il profilo della missione ha comportato innanzitutto un avvicinamento al Sole fino a ottobre 2001 e un arresto della traiettoria a circa 1,5 milioni di km dalla Terra, nel cosiddetto punto di Lagrange L-1 dove i campi gravitazionali di Sole e Terra si equivalgono. La sonda ha estratto, quindi, quattro pannelli circolari di circa 65 cm di diametro (realizzati in un composto di oro, silicio, diamante e zaffiro) destinati a catturare le piccolissime particelle radioattive trasportate dal vento solare. Durante tutto il corso del 2002 e del 2003, ha continuato la raccolta di materia solare, raccolta che è durata anche per parte del 2004, quando, in aprile, è tornata verso la Terra. Gli astronomi ritengono che l'esame delle particelle forniranno elementi utili alla conoscenza dell'origine del sistema solare. Per il montaggio della sonda, la NASA ha dovuto realizzare per la prima volta una camera pulita di "classe 10", cioè un ambiente in cui possono trovarsi un massimo di 10 particelle di contaminanti per ogni metro cubo.