Questo sito contribuisce alla audience di

Giuda (tribù di Israele)

(ebraico Yĕhūdāh), una delle tribù d'Israele, il cui eponimo era figlio di Giacobbe e di Lia. Stanziatasi nella zona montagnosa tra Gerusalemme ed Hebron, si ingrandì diventando la più importante tribù meridionale , conglobando di fatto altri gruppi minori (la tribù di Simeone, i Calebiti, i Keniti, ecc.). Ebbe una storia particolare nell'ambito d'Israele; con David sorse un regno di Giuda mentre sul resto d'Israele regnava il figlio di Saul, Isbaal, alla cui morte David unificò il regno. Dopo Salomone (932 a. C.) le tribù settentrionali si staccarono costituendo il regno d'Israele, mentre rimasero sottoposte alla dinastia davidica solo Giuda , Simeone e parte di Beniamino, costituendo il regno detto appunto di Giuda dalla tribù più importante. La maggior saldezza dinastica della “casa di David”, sempre rimasta sul trono di Gerusalemme (capitale del regno di Giuda ), rispetto alla discontinuità dei re d'Israele, la precoce scomparsa politica del regno di Israele (annesso dall'Assiria nel 722 a. C.) rispetto a quello di Giuda (annesso da Babilonia nel 587 a. C.), e soprattutto la presenza in Gerusalemme del tempio di Yahwèhnucleo e simbolo della coesione religiosa ed etnico-politica, fecero del regno di Giuda il centro più tenace della sopravvivenza del popolo d'Israele anche dopo la fine dell'indipendenza, mentre il nord era più esposto a penetrazione e assimilazione da parte dell'ambiente circostante. Ciò spiega come a partire dall'età ellenistica e romana si indicassero come Giudea e Giudei rispettivamente la regione e il popolo tutto d'Israele.

Media


Non sono presenti media correlati