Questo sito contribuisce alla audience di

Golasécca

comune in provincia di Varese (24 km), 287 m s.m., 7,43 km², 2485 ab. (golasecchesi), patrono: Maria Santissima Assunta (15 agosto).

Centro del Varesotto, situato presso la riva sinistra del fiume Ticino. Vi sono stati rinvenuti, a partire dal 1842, i primi reperti di necropoli risalenti a più periodi, compresi tra la prima Età del Ferro (sec. IX-V a. C.) e la conquista romana, che caratterizzano una fase culturale preistorica detta appunto “di Golasecca”, relativa a popolazioni di probabile origine celtica. Nel Medioevo il paese appartenne al feudo di Somma Lombardo, che fu dei Visconti dal sec. XIII al XVIII.§ La ex chiesa di San Michele, romanica ma in seguito rimaneggiata, conserva il campanile medievale e, all'interno, affreschi stratificati eseguiti tra il sec. XIV e il XVII. La parrocchiale dell'Assunta è del Cinquecento. Il Palazzo Comunale ospita l'Antiquarium, un museo archeologico che raccoglie i reperti della civiltà di Golasecca, anche se la maggior parte di essi si trova nei musei archeologici di Sesto Calende, Varese e Milano.§ L'industria opera prevalentemente nei settori meccanico, tessile e dell'abbigliamento; alcune risorse provengono dal turismo (villeggiatura estiva).

Media


Non sono presenti media correlati