Questo sito contribuisce alla audience di

Grottammare

comune in provincia di Ascoli Piceno (37 km), 4 m s.m., 17,76 km², 14.278 ab. (grottammaresi), patrono: san Paterniano (10 luglio).

Cittadina del litorale adriatico, alla foce del fiume Tesino, ha il nucleo medievale su un'altura e la parte più recente lungo il litorale. Le sue origini si rifanno ai Picenti. Nel Medioevo rinacque per opera dei benedettini e divenne uno dei maggiori castelli della zona, a lungo conteso tra Fermo e Ascoli. § Presso la chiesa romanica di San Martino vi sono i resti di un tempio romano dedicato alla dea Cupra. La parte antica è coronata dalla rocca sforzesca. All'ingresso del borgo vi è la cinquecentesca chiesa di Sant'Agostino, con un affresco di Vincenzo Pagani (1577). Nei dintorni è la chiesa di Santa Lucia, costruita alla fine del sec. XVI su disegno attribuito a Domenico Fontana. Sul litorale vi sono pregevoli edifici liberty. § A un'agricoltura specializzata (orticultura, colture vivaistiche e pregiati vigneti) e alla tradizionale attività peschereccia (con lavorazione del pescato), si è da tempo affiancato il turismo balneare. L'industria opera nei settori del legno, delle confezioni, dei materiali da costruzione, metalmeccanico ed enologico.