Questo sito contribuisce alla audience di

Krüdener, Varvara Julija, baronéssa

(in russo Krjudner; nata Vietinghoff), intellettuale e scrittrice russa (Riga 1764-Karasubazar, oggi Belogorsk, Crimea, 1824). Moglie del diplomatico russo barone von Krüdener, dal quale divorziò nel 1796, visse in Francia a contatto con i più famosi ambienti letterari (conobbe Madame de Staël, B. de Saint-Pierre, Chateaubriand; pubblicò anche un romanzo, Valérie, che ebbe un effimero successo), orientandosi verso un acceso quanto vago misticismo, ispirato alle dottrine dei Fratelli Moravi e alle idee di Jung-Stilling. Nel 1815 strinse amicizia con lo zar Alessandro I, sul quale esercitò una breve ma intensa influenza, suggerendogli forse il progetto della Santa Alleanza. Raffreddatisi (fine 1815) i rapporti con lo zar, la Krüdener continuò per un decennio a predicare le sue dottrine in vari Paesi d'Europa.

Media


Non sono presenti media correlati