Questo sito contribuisce alla audience di

Lemoyne

famiglia di scultori francesi attivi nei sec. XVII e XVIII. Jean-Louis (Parigi 1665-1755) e il fratello Jean-Baptiste I (Parigi 1679-1731) furono entrambi allievi di A. Coysevox; al raffinato classicismobarocco del maestro sono improntate sia la ritrattistica aulica del primo (Jules-Hardouin-Mansart, Parigi, Louvre; Filippo d'Orléans, Versailles), a volte venata di tenue grazia rococò (Ritratto di ignota, Parigi, collezione privata), sia le opere del secondo (Morte di Ippolito, Parigi, Louvre; Battesimo di Cristo, Parigi, chiesa di S. Rocco), di un patetismo prigioniero di formule tradizionali. Jean-Baptiste II (Parigi 1704-1778), figlio di Jean-Louis, ebbe incarichi ufficiali alla corte di Luigi XV, del quale eseguì numerosi busti-ritratto e monumenti equestri (a Rennes, Bordeaux, Rouen), in massima parte perduti durante la Rivoluzione. Autore di monumenti funerari (resti della tomba di Mignard, Parigi, chiesa di S. Rocco; resti del mausoleo di Crébillon, Digione, Museo), fu soprattutto ritrattista ricercatissimo (N. Coypel, J. A. Gabriel, Parigi, Louvre), abile nel tradurre con immediatezza i dati di una sottile indagine psicologica.

Media

Lemoyne.