Questo sito contribuisce alla audience di

Magliabechiana, Bibliotèca-

nucleo originale dell'attuale Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Costituita da un lascito dell'erudito e bibliofilo Antonio Magliabechi, bibliotecario di Cosimo III de' Medici, fu aperta al pubblico nel 1747 con una dotazione di ca. 30.000 volumi di cui ca. 3000 manoscritti e venne poi arricchita da numerosi fondi: le biblioteche private Marmi, Gaddi, Biscioni, Strozzi, ecc. Nel 1771 Pietro Leopoldo I le assegnò la libreria della Reggia granducale, la Palatina e la Lotaringia. Numerose accessioni posteriori la arricchirono con splendidi fondi (tra cui quelli derivanti dalla prima soppressione delle corporazioni religiose). Nel 1861 la Magliabechiana e la Palatina furono unite nella nuova Biblioteca Nazionale.

Media


Non sono presenti media correlati