Questo sito contribuisce alla audience di

Mira (astronomia)

(dal latino mira(bílis), meravigliosa), la stella ο Ceti (costellazione Balena); la prima stella variabile osservata (la sua magnitudine varia tra 2m,0 e 10m,2 con periodo di ca. 332 giorni); scoperta nel 1596 dal pastore protestante D. Fabricius è considerata un prototipo di stelle variabili a lungo periodo. Si tratta di un astro gigante, di accesa colorazione rossa (tipo spettrale M5e con righe in emissione), reso tale dalla bassa temperatura superficiale, fluttuante fra i 1900-2500 K. All'escursione termica, in questo tipo di variabili, si accompagnano variazioni delle dimensioni (oscillanti fra 400-500 volte il diametro del Sole) e formazioni di associazioni molecolari di varia natura (ossidi di titanio, di carbonio, idruri vari, vapore d'acqua), che si rivelano idonee ad attenuare la dissipazione energetica della stella e ad accrescere il riscaldamento dell'atmosfera. Mira dista 130 anni luce e possiede una velocità radiale (in allontanamento) di 58 km/s; è accompagnata, a 0,5‟ di distanza angolare, da una stella, Mira-B, di magnitudine 10m,0 e di altissima densità – è una nana bianca – che si alimenta della materia gassosa espulsa dall'astro maggiore.