Questo sito contribuisce alla audience di

Monachési, Sante

pittore e scultore italiano (Macerata 1910-Roma 1991). Studiò scultura lignea presso l'Istituto d'arte di Macerata, dedicandosi anche alla pittura; nel 1927 scoprì l'opera di U. Boccioni e del futurismo e nel 1932 espose le sue prime opere, vicine alla poetica dell'aeropittura futurista (Metamorfosi aerea, 1929). Successivamente la ricerca di Monachesi si orientò verso soluzioni cubiste con accentuazioni cromatiche di derivazione fauve. Su queste esperienze, Monachesi, negli anni Cinquanta, elaborò composizioni in cui il colore viene ridotto a forma astratta e nel 1959 firmò il primo manifesto dell'“astralismo”. Come in pittura, anche in scultura Monachesi compì una ricerca costante e sperimentazioni di nuovi materiali, dalle sculture in alluminio per la sala futurista alla Biennale veneziana del 1934, al cemento, alla gommapiuma delle Evilpiume dei primi anni Sessanta, alle resine espanse di Senza Titolo (1960).