Questo sito contribuisce alla audience di

Monchièro

comune in provincia di Cuneo (45 km), 235 m s.m., 4,97 km², 518 ab. (monchieresi), patrono: san Fedele (prima domenica dopo Pasqua).

Centro delle Langheoccidentali, esteso su un poggio alla confluenza del torrente Rea nel fiume Tanaro; sede comunale è Monchiero Borgonuovo. Compreso col nome di Montechiaro nel Marchesato di Monforte, nel 1213 passò al comune di Alba; il suo territorio, in seguito, fu diviso tra Asti, i marchesi del Monferrato, i marchesi di Saluzzo e i Del Carretto. Nel sec. XVII fu sotto il dominio spagnolo e nel 1727 pervenne definitivamente ai Savoia. Il santuario della Madonna del Rosario, nella parte alta dell'abitato, è di stile barocco.§ Sulle colline è sviluppata la viticoltura, con produzione e commercio di vino (nebbiolo, barbera, dolcetto di Dogliani DOC ); nella zona di pianura prevalgono i foraggi. Completa il quadro economico la piccola industria, attiva nei settori alimentare, dell'idraulica, dei serramenti e della lavorazione del legno.

Media


Non sono presenti media correlati