Questo sito contribuisce alla audience di

Mussolènte

comune in provincia di Vicenza (41 km), 113 m s.m., 15,36 km², 6663 ab. (misquillesi), patrono: santi Pietro e Paolo (29 giugno).

Centro alla sinistra del fiume Brenta. Sede di un castello sottoposto alla giurisdizione del vescovo di Belluno (1183), fu feudo degli Ezzelini e passò a Treviso nel 1262. Seguì poi le vicende di Bassano del Grappa. § Di grande interesse è la villa Negri-Piovene che, costruita nel 1763 su progetto di Antonio Gaidon, si presenta composta da un imponente complesso di edifici, collegati al corpo centrale da strutture porticate. Il santuario della Madonna dell'Acqua venne ricostruito nel sec. XVIII sui resti di un antico castello e conserva una pala di Andrea da Murano (1502). § L'agricoltura produce cereali, ortaggi, frutta, uva da vino e foraggi; si pratica l'allevamento bovino e suino. Trainante è l'industria del mobile, affiancata dal comparto manifatturiero, attivo nei settori metalmeccanico, conciario, tessile, alimentare, della lavorazione del legno, dei materiali lapidei e dell'abbigliamento.