Questo sito contribuisce alla audience di

Nazzano

comune in provincia di Roma (46 km), 202 m s.m., 12,24 km², 1251 ab. (nazzanesi), patrono: sant’ Antimo (11 maggio).

Centro della valle del Tevere. Di origine etrusca, appartenne dopo il Mille al monastero di San Paolo di Roma, che lo munì di castello. Passato ai Savelli (sec. XIII), fu confiscato dalla Santa Sede, che lo assegnò definitivamente al monastero.⿿ La struttura urbanistica del borgo segue un'unica via che sale a spirale fino al castello del sec. XIII, imponente costruzione con torrioni cilindrici, sede del Museo del Tevere. Su di un'altura sorge la chiesa di Sant'Antimo, di impianto romanico, con pianta a croce latina: l'interno, a tre navate divise da colonne di età romana e con soffitto a capriate, conserva un pulpito e un tabernacolo medievali (sec. XI) e, nell'abside, alcuni affreschi attribuiti ad Antoniazzo Romano.⿿ Alle risorse agricole (cereali, vigneti e oliveti), si affiancano fornaci per laterizi e imprese edili. È meta di turismo escursionistico alla Riserva Naturale Tevere-Farfa, che ospita l'Ecomuseo.

Media


Non sono presenti media correlati