Questo sito contribuisce alla audience di

Pòggio Moiano

comune in provincia di Rieti (27 km), 520 m s.m., 26,81 km², 2510 ab. (poggiomoianesi), patrono: san Sebastiano (20 gennaio).

Centro della Sabina, situato nell'alta valle del fiume Farfa. Possesso dell'abbazia di Farfa già nel 998, occupato nel 1334 dai Mareri, passò ai Savelli (1445) che lo vendettero ai Borghese (1693). ⿿ La parrocchiale, riportata all'originario stile romanico, conserva affreschi e statue lignee policrome. In località Osteria Nuova si trova la “grotta dei Massacci” (tomba di età sabino-romana) e altri reperti romani. ⿿ In agricoltura prevale la coltivazione di pregiati oliveti, cereali, vite e foraggi per l'allevamento bovino e ovino. L'industria comprende aziende olearie, della plastica e per l'estrazione e la lavorazione del travertino. L'escursionismo al Parco Regionale dei Monti Lucretili e numerose manifestazioni popolari alimentano il comparto turistico.

Media


Non sono presenti media correlati