Questo sito contribuisce alla audience di

Pannaggi, Ivo

architetto italiano (Macerata 1901-1981). Laureatosi in architettura a Firenze, si dedicò alla pittura fin dal 1920, accostandosi al movimento futurista e partecipando a molte sue manifestazioni nazionali e internazionali. Nel 1923 firmò sul Lacerba il primo “Manifesto dell'Arte Meccanica Futurista”. Dal 1925 al 1926 curò la progettazione e la realizzazione degli interni di casa Zampini a Esanatoglia (Macerata). Trasferitosi in Germania, nel 1931 partecipò all'ultimo Bauhaus a Berlino. Si stabilì successivamente a Oslo, dove svolse la professione, per poi tornare definitivamente in Italia alla fine degli anni Sessanta.