Questo sito contribuisce alla audience di

Polić-Kamov, Janko

poeta e narratore croato (Pećine, Sušak, 1886-Barcellona 1910). Nei suoi scritti si rilevano diversi influssi: accanto a echi biblici sono presenti influenze di scrittori croati quali Starčević, Kranjčević e Matoš, nonché di autori stranieri, da Baudelaire a Stecchetti e ai futuristi italiani. La sua opera è lo specchio fedele di una giovanile ribellione, di un violento anticonvenzionalismo. A Polić-Kamov si devono le raccolte poetiche Carta stracciata (1907) e Bestemmie (1907), i lavori teatrali Tragedia del cervello (1907) e Sulla zolla natia (1907), il romanzo La pozzanghera prosciugata (postumo, 1957) e il volume Novelle e saggi (postumo, 1938).