Questo sito contribuisce alla audience di

Rónco all'Àdige

comune in provincia di Verona (26 km), 23 m s.m., 42,57 km², 5684 ab. (ronchesani), patrono: Natività di Maria Vergine (8 settembre).

Centro situato sulla destra dell'Adige. Forse di origine romana, nel sec. IX fu possesso dei Sambonifacio, che allora si chiamavano conti di Ronco; successivamente fu sotto la dominazione scaligera (sec. XIII-XIV) e poi di Venezia (1405), della quale seguì le vicende storiche, facendo parte del vicariato di Isola Rizza. Nell'abitato sorge la parrocchiale, rimaneggiata più volte, che conserva l'abside e il campanile dell'edificio originale (sec. XV).§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, mele, pere, foraggi), l'allevamento bovino e l'industria, attiva nei settori tessile, conciario, meccanico, ottico, alimentare, dell'abbigliamento, della meccanica di precisione, della lavorazione dei metalli, del legno, delle materie plastiche, dei materiali da costruzione.

Media


Non sono presenti media correlati