Questo sito contribuisce alla audience di

Ruòti

comune in provincia di Potenza (18 km), 751 m s.m., 55,06 km², 3687 ab. (ruotesi), patrono: san Rocco (16 agosto).

Centro situato alla sinistra della fiumara d'Isca. Di origine romana, fu roccaforte longobarda della Contea di Conza. Con i Normanni fece parte della Contea di Conversano e, con gli Angioini, passò ai Sanseverino. Ripopolato da profughi albanesi, fu dei Caracciolo (1577), finché nel 1583 ottenne statuti cittadini. In seguito ne divennero signori i Capece Minutolo (1643) e i Ruffo di Bagnara. Subì gravi danni durante il terremoto del 1980.§ La chiesa di San Nicola, rimaneggiata nel sec. XX, conserva arredi del sec. XVIII, una tela della Madonna del Rosario (sec. XVI), altre del Settecento e una statua lignea di San Nicola (sec. XIV).§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, uva da vino, olive e foraggi), l'allevamento ovino e caprino, con produzione lattiero-casearia, e l'artigianato dei tessuti.§ Fuori dall'abitato sono stati rinvenuti resti di mura preromane e, in località Fontana Bona, una stipe votiva con statue in terracotta (sec. IV-II a. C.).

Media


Non sono presenti media correlati