Questo sito contribuisce alla audience di

Scandrìglia

comune in provincia di Rieti (45 km), 535 m s.m., 63,06 km², 2426 ab. (scandrigliesi), patrono: santa Barbara (4 dicembre).

Centro nei monti Sabini. Possesso dell'abbazia di Farfa, appartenne agli Orsini (1334-1639) e passò successivamente alla Santa Sede. La frazione di Ponticelli, piccolo borgo già citato nell'872 e anch'esso possesso dell'abbazia di Farfa, fu feudo di Ludovico di Giovanni da Canemorto (sec. XIV), dei Brancaleone e, dalla metà del sec. XV, degli Orsini.§ Il palazzo degli Anguillara (sec. XV) è una costruzione d'impronta rinascimentale con bifora centrale tardogotica. La parrocchiale di Santa Maria Assunta (sec. X, rifatta nel XVIII) conserva una statua lignea policroma e una tavola del sec. XIII. Nei dintorni sono la chiesa di San Nicola (sec. XIII) e il convento di Santa Maria delle Grazie (sec. XV). A Ponticelli sorge la chiesa di Santa Maria del Colle, costruzione del sec. XIII con semplice facciata e portale sormontato da un'edicola, che conserva nell'abside affreschi cinquecenteschi.§ La produzione agricola dà oliveti della Sabina DOC, cereali, vigneti, ortaggi e frutta (pesche e ciliegie). Si allevano bovini, equini e ovini, anche allo stato brado, con produzione di formaggi. Sono presenti industrie edili, di lavorazioni del ferro e del legno. È centro di notevole flusso turistico estivo ed escursionistico al Parco Regionale dei Monti Lucretili, ricco di flora e fauna protette.

Media


Non sono presenti media correlati