Questo sito contribuisce alla audience di

Serveto, Michèle

(Miguel de Villanueva), teologo, medico e naturalista spagnolo (Villanueva de Sigena, 1511-Ginevra 1553). Umanista, fu confessore di Carlo V. Nel 1531 pubblicò lo scritto antitrinitarioDe Trinitatis erroribus che comportò una condanna dell'Inquisizione e la sua fuga in Francia. Curò un'edizione della versione della Bibbia del Pagninus e si laureò anche in medicina. A lui si deve la scoperta della doppia circolazione del sangue. L'opera principale, Christianismi restitutio (1553), dedicata al Gesù storico, alla negazione della sua doppia natura e della sua divinità, provocò il suo arresto a Vienne. Riuscì a fuggire a Ginevra, ma fu riconosciuto da G. Calvino e arrestato. Le sue dottrine infatti non erano condivise neppure dai protestanti. Poiché si rifiutò di ritrattare, morì bruciato sulla collina di Champel. I capi del protestantesimo furono solidali con Calvino, tuttavia S. Castellion lo difese risolutamente nel suo scritto De haereticis an sint persequendi.