Questo sito contribuisce alla audience di

Souza, Cláudio Justiniano de-

narratore, saggista e autore teatrale brasiliano (São Roque 1876-Rio de Janeiro 1954). Medico assai apprezzato, si rivelò al mondo letterario con conferenze scientifiche e storiche; inoltre pubblicò una serie di romanzi dove analizzava con acuto senso psicologico l'alta società della capitale, ma cadeva nel formalismo imitando il peggior Coelho Neto. La sua vera espressione venne col teatro: Flores de sombra (1916), As sensitivas (1920), A escola da mentira (1923), A arte de seduzir (1927), Rosas de Espanha (1930), Fascinação (1936), oltre ad alcuni lavori in lingua francese, lo collocarono in posizione eminente per la lucentezza del dialogo e l'alto senso etico. Fu presidente del PEN Club e scrisse un interessante saggio su Pirandello.

Media


Non sono presenti media correlati