Questo sito contribuisce alla audience di

Wakhévitch, Georges

scenografo e costumista francese di origine russa (Odessa 1907-Parigi 1984). Allievo della scuola di Belle arti a Parigi, completò i suoi studi presso il pittore inglese E. Scott. Nel 1928 cominciò a lavorare per il cinema (fu lo scenografo di molti film di successo tra cui La grande illusione di J. Renoir, 1937; Prigione senza sbarre di L. Moguy, 1938; Amanti perduti di M. Carné, 1943-45; Il diario di una cameriera di L. Buñuel, 1963) e quindi estese la sua attività al teatro, al balletto (con S. Lifar e R. Petit) e all'opera. La sua arte è caratterizzata da un notevole equilibrio fra l'esattezza del particolare, un alto gusto pittorico e un uso sapiente dello spazio.